registroCosì come previsto dall'art. 42 del d.l. n. 66/2014 dal 1° luglio 2014 il Comune di Isernia deve adottare il Registro Unico delle Fatture, nel quale entro 10 giorni dal ricevimento dovranno essere registrate le fatture o le richieste equivalenti di pagamento per somministrazioni, forniture e appalti e
per obbligazioni relative a prestazioni professionali.
Per garantire il rispetto della scadenza dei pagamenti nonché la corretta tenuta del predetto Registro, la fattura, oltre a riportare, quale destinatario, la denominazione del Comune di Isernia dovrà indicare anche il Settore che ha provveduto ad ordinare la spesa (es. Lavori pubblici, Manutenzioni del patrimonio, Servizi scolastici, Servizi culturali, Servizi sociali, ecc.).
Fermo restando quanto previsto dalla vigente normativa IVA (DPR n. 633/'72), le fatture dovranno necessariamente riportare anche le seguenti informazioni:
- Settore che affida il servizio o la fornitura nonché numero della Determinazione dirigenziale di affidamento;
- Numero dell'impegno contabile di spesa;
- Natura, qualità e quantità dei servizi oggetto di fatturazione;
- Scadenza del pagamento (ordinario 30 giorni ricevimento fattura o altra scadenza concordata con il Settore);
- IBAN del conto corrente dedicato, anche non in via esclusiva;
- Codice identificato di gara (CIG) tranne i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità di cui alla Legge 136/2010;
- Codice Unico di Progetto (CUP) in caso di fatture relative ad opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari ove previsti ai sensi dell'art. 11 della Legge 3/2003.
Si coglie l'occasione per avvisare che dal 31 marzo 2015 il Comune di Isernia potrà ricevere solo fatture in formato elettronico. A tal fine verranno comunicati entro il prossimo mese di dicembre i codici IPA assegnati agli uffici deputati a ricevere le fatture elettroniche.